venerdì 2 novembre 2012

REGIONE BASILICATA - POLIZIA IDRAULICA, PRESENTATO IL SECONDO CICLO DI ATTIVITÀ

video

De Filippo: "Gli interventi hanno riguardato 598 chilometri di fiumi e sono un esempio virtuoso di tutela della risorsa idrica". 

 L’attività di Polizia Idraulica e di controllo del territorio (P.I.), introdotta dalla Legge n.365/2000, consiste in una attività straordinaria di sorveglianza e ricognizione lungo i corsi d’acqua, attraverso studi e sopralluoghi finalizzati a rilevare le situazioni che possono determinare maggiore pericolo, incombente e potenziale, per le persone e le cose, ed a identificare gli interventi più urgenti da realizzare.
La Legge n.365/2000 fa dunque obbligo alle Regioni, di intesa con le Province, con la collaborazione degli uffici dei Provveditorati alle OO.PP., del Corpo Forestale dello Stato, dei Comuni e di tutti gli uffici aventi competenza nel settore idrogeologico, di provvedere ad effettuare, nell’ambito degli ordinari stanziamenti di bilancio, attività mirate a porre particolare attenzione su:
a) le opere e gli insediamenti presenti in alveo e nelle relative pertinenze;
b) i restringimenti nelle sezioni di deflusso prodotti dagli attraversamenti o da altre opere esistenti;
c) le situazioni di impedimento al regolare deflusso delle acque;
d) le situazioni di dissesto, in atto o potenziale,delle sponde e degli argini;
e) l’efficienza e la funzionalità delle opere idrauliche esistenti, il loro stato di conservazione;
f) qualsiasi altro elemento che possa dar luogo a situazione di allarme.
Fiume Sauro - Località Tuorlo Fiume Basento - Località Pantano Calciano
Fondazione scalzata Soglia divelta
Il coordinamento di tali attività è svolto dall’Autorità di Bacino competente, che assicura anche il necessario raccordo con le iniziative in corso e con quelle previste dagli strumenti di pianificazione vigenti o adottati, provvede a definire i compiti e i settori di intervento delle singole strutture coinvolte, stabilisce la suddivisione delle risorse.
L’Autorità di Bacino della Basilicata ha avviato il primo ciclo di attività di polizia idraulica (P.I.) sul territorio di competenza, nell’anno 2003, in attuazione della delibera del Comitato Istituzionale n.20 del 17/7/2003.
Durante tale ciclo è stata effettuata una accurata ricognizione lungo le aste fluviali dei fiumi Bradano, Basento, Cavone, Agri, Sinni e Noce, che ha permesso di censire 775 situazioni riferite ad opere ed insediamenti presenti in alveo e nelle relative pertinenze, dissesti in atto o potenziali di sponde e arginature nonché restringimenti delle sezioni di deflusso e/o impedimento al regolare deflusso delle acque.
Con delibera del C.I. n.23 del 13/9/2004 l’AdB ha avviato il secondo ciclo di attività di P.I. per l’anno 2004.
I sopralluoghi effettuati hanno interessato solo le situazioni classificate critiche nel corso del primo ciclo, al fine di valutare i trend evolutivi dei fenomeni riscontrati e di intervenire, compatibilmente con le risorse economiche disponibili, su quelle in cui il peggioramento riscontrato avrebbe potuto minacciare o arrecare danni alle persone, ai beni ed alle cose esposte.
Le ricognizioni hanno permesso di individuare i tronchi d’alveo in erosione o in sovralluvionamento del fondo ed ogni altra situazione di impedimento al regolare deflusso delle acque.
In attuazione della delibera n. 18 del 03/10/2005, è stato effettuato il terzo ciclo di attività di P.I. relativo all’anno 2005, durante il quale, oltre alla verifica delle criticità riscontrate nel corso delle precedenti campagne, sono stati effettuati nuovi rilevamenti lungo i principali affluenti del reticolo primario di competenza dell’AdB (Basentello, torrente Salandrella, Fiumarella di Tortora, Sauro, torrente Fiumarella, Sarmento e Serrapotamo). Sono stati inoltre individuati i tronchi d’alveo soggetti ad evidenti fenomeni erosivi, di sovralluvionamento del fondo alveo ed ogni altra situazione di impedimento al regolare deflusso delle acque.
Nell’autunno del 2006, in attuazione della Delibera del Comitato Istituzionale n. 22 del 16/06/2006, è stato effettuato il quarto ciclo (anno 2006) di ricognizione che ha permesso ancora una volta di monitorare le criticità riscontrate nelle precedenti campagne e di estendere le ricognizioni lungo il reticolo idrografico secondario.
Il quinto ciclo di attività, relativo all’anno 2007, svolto dal personale dell'AdB, è stato avviato nel mese di dicembre 2007. Le indagini hanno interessato sia le situazioni "critiche" riscontrate negli anni precedenti e sia le "nuove" interessanti il reticolo idrografico minore.
I rilievi relativi al sesto ciclo di attività - anno 2008, hanno avuto inizio nel mese di gennaio 2009, periodo in cui il territorio è stato interessato da una piovosità intensa e prolungata. La situazione ha provocato rilevanti danni alle strutture e infrastrutture interagenti con i corsi d'acqua a causa di allagamenti di vaste porzioni di territorio poste a tergo degli stessi.
Analogamente agli altri cicli di P.I., l'attività ha interessato il monitoraggio delle criticità rilevate in passato e l'individuazione di nuove situazioni a rischio.
Le attività di ricognizione del settimo ciclo di Polizia Idraulica -annualità 2010-2011- hanno avuto inizio nel mese di ottobre 2010, tuttavia, nel marzo 2011, il territorio dell’Autorità di Bacino della Basilicata (in particolare i tratti medi e bassi dei fiumi Basento, Bradano, Cavone, Agri e Sinni), è stato interessato da rilevanti eventi alluvionali, che hanno determinato estese esondazioni, ingenti danni a strutture, infrastrutture, opere di sistemazione idrauliche, perfino, in alcuni tratti, variazioni della morfologia fluviale. Tale circostanza ha reso necessario ripetere i sopralluoghi già effettuati e pertanto le schede inserite nel report sono relative ai sopralluoghi condotti nell’anno 2011. La ricognizione del settimo ciclo di Polizia Idraulica ha interessato, per quanto possibile: le criticità rilevate nei cicli precedenti, le aree oggetto di segnalazione da parte di Enti pubblici e di privati, i tratti terminali dei fiumi con foce nel Mar Jonio, già oggetto di sopralluoghi a seguito dell’alluvione del marzo 2011. Sono state inoltre riscontrate ulteriori situazioni di criticità rispetto a quelle già rilevate nei precedenti cicli di Polizia Idraulica.
===============================================
 

Scalzo (PD): ‘Bene su ODG per sorveglianti idraulici’"Mi sento di esprimere vivo compiacimento per il fatto che il Consiglio regionale, all’unanimità dei presenti, ha approvato un ordine del giorno in merito alla problematica che vede direttamente interessati i lavoratori appartenenti alla categoria dei sorveglianti idraulici calabrese e che da circa tre mesi non ricevono lo stipendio". Lo afferma il consigliere regionale del Pd Antonio Scalzo. "Dopo i colloqui dei giorni scorsi - ha aggiunto - mi sono sentito in dovere di presentare un ordine del giorno all’attenzione del Consiglio in maniera che, la massima assemblea legislativa condividesse, politicamente e sostanzialmente, la scelta diretta a tutelare i lavoratori sorveglianti idraulici in una duplice direzione. Si tratta, infatti, di garantire da un lato l’attivazione di tutte le procedure amministrative volte al pagamento degli stipendi arretrati e l’adozione di tutte le attività volte al definitivo inquadramento dei lavoratori all’interno del dipartimento regionale più idoneo ad ospitare tali lavoratori". (ANSA)
Giovedì 25 ottobre 2012

Nessun commento:

Posta un commento